Blog

Dobbiamo difendere la lettura

Libri - Citazioni - The reader di Loui Jover

Come esperienza che non coltiva l'ideale della rapidità, ma della ricchezza, della profondità, della durata. Una lettura concentrata, amante degli indugi, dei ritorni su di sé, aperta più che alle scorciatoie, ai cambiamenti di andatura che assecondano i ritmi alterni della mente e vi imprimono le emozioni e le acquisizioni."

La citazione è di Giuseppe Pontiggia, di cui vorrei consigliare il libro La grande sera.

Altre citazioni per lettori #LPDR_QuattroRighe

Nell'immagine: The reader di Loui Jover.

#libri #libridaleggere #consiglidilettura #leggere #citazioni

Un vacino obbligatorio contro le cazzate dei giornali

beppeggggpa

Oggi il New York Times ha pubblicato un articolo in cui afferma che "In Italia il movimento Cinque Stelle (M5S) guidato da Beppe Grillo ha portato avanti una campagna attiva su una piattaforma anti vaccini ripetendo i falsi legami tra vaccinazioni e autismo." A sostegno di questa balla non c'è nulla, neppure un link, un riferimento, una dichiarazione. Nulla. Non c'è perché è una balla

Non esiste nessuna campagna del MoVimento 5 Stelle contro i vaccini, né una piattaforma Anti vaccini, né sono mai stati ripetuti falsi legami tra vaccinazioni e autismo. Il danno più grande che posso aver fatto per il diffondersi delle malattie infettive è stato contagiare qualche bambino da piccolo, ma non essendoci più i miei non posso verificare, forse possono farlo i segugi del New York Times. 
Si prega il direttore del giornale di dire quali sono le fonti su cui si basa questa fake news e di chiedere subito scusa per questa bufala internazionale. Bisogna rendere subito obbligatorio un vaccino contro le cazzate dei giornalisti.

LA FONTANA DELLA GIOVINEZZA

heic0906a



A gennaio 2009, per celebrare i suoi primi 19 anni in orbita, il telescopio spaziale Hubble riprese con la Wide Field Planetary Camera 2 (uno strumento oggi non più attivo) un peculiare sistema di galassie noto come Arp 194. Questo gruppo di galassie interagenti ha prodotto una insolita “fontana cosmica” di stelle, gas e polveri che si estende per oltre 100.000 anni luce.

Sono dozzine le immagini di esotici gruppi di galassie interagenti catturate da Hubble nella sua ormai lunghissima carriera. Ma, quando si pensa a collisioni e fusioni galattiche, difficilmente può venire in mente qualcosa di più strano del groviglio formato dal gruppo di galassie chiamato Arp 194. Osservandolo, sembra che dalle galassie nella parte superiore dell’immagine sgorghi un fiotto zampillante di stelle. Il brillante nastro blu che sembra collegare i due “blocchi” galattici, quello superiore e quello inferiore, è molto probabilmente un braccio a spirale “srotolato”, pieno di stelle blu neonate: violenti picchi di formazione stellare sono un tipico risultato degli “strattoni” gravitazionali tra galassie interagenti.

Comprendere esattamente cosa stia succedendo in Arp 194 non è facile. Nella caotica confusione del “blocco” superiore è possibile scorgere i nuclei di almeno tre galassie a spirale, di cui quello più a destra sembra essere rimasto “nudo”, privato ormai del disco galattico e dei suoi bracci a spirale.

La “fontana” di stelle è ovviamente la caratteristica più appariscente di questo “quadro” galattico. Contiene svariati superammassi stellari, ciascuno dei quali aggrega probabilmente dozzine di singoli ammassi di stelle giovani. È una struttura incredibile, lunga molte migliaia di anni luce, formata quasi interamente da stelle blu, luminosissime, giovani e massicce. È facile prevedere che nei prossimi milioni di anni sarà sconvolta da miriadi di esplosioni di supernova, che semineranno lo spazio interstellare di materiali complessi, da cui nasceranno in futuro generazioni di stelle più piccole, meno luminose, ma molto più longeve.

Non è chiaro se la galassia a spirale che si trova in basso nell’immagine di Hubble partecipi all’interazione gravitazionale che sta sconvolgendo le galassie nella parte superiore. Infatti, le polveri rossastre che circondano gli ammassi di stelle blu nella lunga “fontana” di stelle che si protende fino al nucleo della spirale in basso sembrano trovarsi in primo piano, cioè davanti, rispetto al disco di quella galassia. Potrebbe dunque anche trattarsi di una galassia di sfondo, solo casualmente allineata con il gruppo di galassie in via di fusione.

Arp 194 si trova nella costellazione di Cefeo, approssimativamente a 600 milioni di anni luce dalla Terra (circa undici volte più lontano della galassia ellittica M87, di cui abbiamo parlato un paio di giorni fa (https://plus.google.com/u/0/+MicheleDiodati/posts/d8wN1auhv4X).

servizio.clienti@giosat.eu © webDesign  Giovanni 2017